fbpx

ALIMENTAZIONE E SINDROME PREMESTRUALE – consigli pratici

Come prima cosa Inquadriamo i sintomi associati alla sindrome premestruale.

Oltre a quelli più conosciuti quali irritabilità, crisi di pianto, voglia di carboidrati e dolci, gonfiore addominale e ritenzione diffusa, si possono associare anche il desiderio di isolamento sociale, cefalea, insonnia, dolori addominali, palpitazioni, nausea, vomito e anche un peggioramento di condizioni allergiche. Molte di voi si riconosceranno in alcuni di questi!

In generale, siamo anche più tendenti ad impurità della pelle e del cuoio capelluto…abbiamo più acne e i capelli si sporcano prima, ad esempio.

Si parla, quindi, di un corredo sintomatologico che può essere molto invalidante per la donna.

Tutto si manifesta come conseguenza del rialzo e poi del calo dei livelli di progesterone nella fase luteale del ciclo (dal 17esimo giorno circa al 28esimo giorno) che provoca, in sintesi, una maggiore infiammazione sistemica e si porta con sé anche qualche kg in più.

Circa il 75% delle donne ne soffrono…è dunque una condizione che fa parte obbligatoriamente della vita della donna? in realtà non è così.

Ci sono alcuni fattori che aumentano l’intensità della sindrome premestruale:

– Lo stress
– Il fumo
– Vita sedentaria
– Sovrappeso e obesità
– Eccessivo consumo di zucchero e carboidrati raffinati
– Alimentazione a base di alimenti processati e junk food
– Basso apporto di fibre
– Carenza nutrizionali
– Caffeina e bevande energetiche

Le donne più colpite, infatti, hanno carenza di magnesio, calcio e vitamina B6.
Si registra in questa fase anche la carenza di serotonina che ci porta alla ricerca di alimenti ricchi di carboidrati perchè contenenti alcuni precursori della serotonina stessa!

Cosa possiamo fare quindi per attenuare questi sintomi??

Le indicazioni possono essere personalizzate in base al sintomo prevalente o più fastidioso per ciascuna di noi.

RITENZIONI IDRICA e GONFIORE ADDOMINALE

In questo caso possiamo aiutare il corpo prediligendo più verdure crude e non cotte o comunque evitando cotture “brodose“- a differenza di come si pensa le cotture piene di acqua (anche vapore e bollitura!) rallentano la circolazione linfatica che ristagna di più!
Attenzione anche al sale nascosto negli alimenti industriali e a quei cibi che più fermentano come i cavoli, la birra e i lievitati ad esempio.

CALO DEL TONO DELL’ UMORE

Per innalzare il tono dell’umore (fattore davvero debilitante per molte donne) è consigliabile andare a tamponare la carenza fisiologica di magnesio e vitamina B6 riscontrata in questi giorni. Tra gli alimenti di cui fare il pieno sono presenti: semi di girasole, di zucca, mandorle e anacardi, cereali integrali come orzo, farro, miglio, riso e pasta integrale, ma anche erbe aromatiche fresche e spezie, legumi e cioccolato FONDENTE.
Il magnesio e la vitamina B6 ci aiutano molto anche a controllare la voglia di dolci!

DISMENORREA (dolori)

In caso di forti dolori gli alimenti sopra elencati sono sempre da preferire, insieme al pesce. Il magnesio, infatti, migliora la dolorabilità muscolare, l’intensità dei crampi e aiuta nella gestione dello stress emotivo. Altri due alleati sono salvia e timo da aggiungere ai piatti oppure come decotti o tisane.
Tra gli alimenti da ridurre fortemente nella settimana prima del ciclo: caffé, farinacei (pane, pasta, crackers, piadine, grissini), zuccheri e alimenti contenenti istamina in quanto l’istamina aumenta la contrattilità, peggiorando la dolorabilità mestruale alle pelvi.
Liste di alimenti contenenti o che liberano istamina le trovate senza problemi sul web. In caso quindi di dolori, occhio anche a cioccolata e frutta secca anche se consigliati per il magnesio!

Perché un processo volto a sfaldare l’endometrio non fecondato si ripercuote su altre funzioni e distretti del nostro corpo?

Perchè in questa fase, il corpo per staccare l’endometrio dall’utero va incontro alla liberazione di sostanze infiammatorie. Questo però avviene ANCHE in tutti gli organi e sistemi che sono GIA’ infiammati per ragioni di vulnerabilità genetica, per malattie presenti o per uno stato di infiammazione cronica latente (secondo a cattiva alimentazione e stile di vita).

Ecco perché alcune donne sono più vulnerabili al mal di testa, altre ai sintomi gastrointestinali ed altre ancora al peggioramento dell’asma.

Infine, anche lo stress, attraverso l’ aumento del cortisolo, peggiora l’infiammazione e la percezione del dolore.
Quante di voi hanno avuto come me cicli più dolorosi in quarantena? 

Quindi, concludo ricordando che per ridurre l’infiammazione associata al ciclo è di grande aiuto anche:

– fare un’ora di passeggiata veloce al giorno
– dormire otto ore!!!
– evitare alcol e fumo

Adesso, lascio a voi capire cosa potete aggiustare nel vostro stile di vita.

Potrebbe anche interessarti…

MICROBIOTA NEL NEONATO E SALUTE

MICROBIOTA NEL NEONATO E SALUTE

E’ importante prendersi cura del microbiota intestinale del neonato perchè andrà a impattare la salute del bambino nel breve e lungo termine! Cosa è il microbiota intestinale: Il microbiota intestinale è l'insieme di batteri che vivono nell'apparato digerente. Ci sono...

OMEGA 3: Dove, come e perchè!

OMEGA 3: Dove, come e perchè!

In una vecchia box domande, mi avete chiesto di parlare di omega 3. Eccoci qua! Partiamo dal fatto che gli omega 3 sono acidi grassi essenziali perchè non vengono prodotti dal nostro organismo e dobbiamo necessariamente assumerli attraverso la dieta. I principali sono...

ALIMENTAZIONE per favorire il concepimento

ALIMENTAZIONE per favorire il concepimento

A breve inizierò una collaborazione su instagram in cui tratterò i temi di gravidanza e allattamento (seguitemi anche lì!), per cui mi premeva anche parlare del periodo che precede la gestazione. Più che spiegarvi un' alimentazione specifica, voglio illustrarvi quali...

LA MATTINA SEI UNO ZOMBIE?

LA MATTINA SEI UNO ZOMBIE?

Dopo i consigli su come aiutare il riposo notturno tramite l’alimentazione ecco che vi parlo su come cercare di migliorare l’attivazione mattutina!Va da sè che le due questioni sono legate: dormo peggio e la mattina mi sveglio più stanco. Dobbiamo dire però che molto...

BROWNIES PER COLAZIONE

BROWNIES PER COLAZIONE

Ancora storcete il naso quando vi dico che la colazione dovrebbe essere proteica e/o GRASSA. Ma perché dico che il primo pasto della giornata sarebbe meglio così? Ecco alcuni motivi: Sazia di più e più a lungo. Dà più energie. Non alza la glicemia. I grassi buoni...

DORMO MALE! COSA MANGIO?

DORMO MALE! COSA MANGIO?

La scorsa volta vi ho parlato delle conseguenze negative sulla salute di un sonno disturbato o peggio ancora della mancanza di sonno. Oggi vi parlo di come alcuni alimenti sono in grado di migliorare il nostro riposo notturno. Prima di tutto faccio una premessa su...

Perchè non dormire ci fa ammalare?

Perchè non dormire ci fa ammalare?

Riparto con gli approfondimenti finalmente cominciando dall’importanza del sonno. Durante il primo lock down tantissime persone hanno sofferto di insonnia e io per la prima volta nella mia vita ho sperimentato questa condizione. Abbiamo quindi visto e toccato con mano...

FRIGORIFERO – Istruzioni per l’uso

FRIGORIFERO – Istruzioni per l’uso

E’ strumento bistrattato quando si è studenti, ma diventa un alleato fondamentale quando vogliamo imparare a muoverci bene in cucina e soprattutto a ridurre gli sprechi. Ma come funziona e come va organizzato? Qualche consiglio: - Non caricarlo troppo - Tenere i...