fbpx

Gonfiori intestinali e ALLERGIA AL NICHEL

Scritto da Alessandra Grifoni

On 02/04/2020

L’allergia al nichel è la principale causa di dermatite da contatto da allergia ai metalli. Molto più diffusa tra le donne per l’esposizione alla bigiotteria, sembra sia prevalente nella terza decade di vita, anche se può svilupparsi a qualsiasi età.

Sebbene, come detto sopra, l’allergia al nichel è responsabile di sintomi cutanei, oggi sappiamo che il nichel può determinare una vera e propria Sindrome da Reazione Sistemica (SNAS, Systemic Nickel Allergic Syndrome) con sintomi anche extracutanei.

Tra questi:

🔸 a carico dell’apparato gastrointestinale (dolori addominali, diarrea, vomito, meteorismo, pirosi, nausea, stipsi etc.)
🔸 a carico dell’apparato respiratorio (rinite ed asma),
🔸 neurologici (cefalea),
🔸 generali (febbre, fibromialgie, artralgie, sindrome tensione‐stanchezza etc.).

Se abbiamo problemi di stipsi (stitichezza) da una vita, una pancia che si gonfia per qualsiasi cosa che mangiamo e se gli orecchini ci hanno sempre dato fastidio…è molto probabile che sia di mezzo proprio questa allergia (da ricercare tramite patch test).

Tuttavia, non sempre chi presenta questa allergia ha segni evidenti come la dermatite o la reattività alla bigiotteria/ cinture 😩

Il nichel è presente (in quantità variabili) in molti alimenti, soprattutto di origine vegetale, e non è facile dedurne una sensibilità solo osservando il rapporto tra alimenti ingeriti e sintomi. Inoltre, per ognuno le soglie tollerabili sono diverse!

Molto spesso la reattività del corpo a questo metallo si intensifica se esso è associato ad altre sostanze che accentuano la produzione di anticorpi diretti contro il cibo che lo contiene.
Questo è il caso dei grassi cotti industriali o dei prodotti della reazione di Maillard, reazione che rende colorate le superfici di alcuni cibi (come i semi oleosi tostati oppure, la crosticina più scura del pane o della carne arrostita).

Chi mi conosce sa già cosa penso degli oli vegetali nei prodotti industriali e che consiglio vivamente di evitarli per altri motivi….

Biscotti, cracker e merendine in cui sono sempre presenti grassi vegetali idrogenati (margarine ad esempio) contengono Nichel abbondante nella loro composizione a causa dell’impiego di Nichel nel processo di idrogenazione dei grassi. Il Nichel è presente anche in farine macinate meccanicamente anche quando il chicco del cereale non ne contiene (grano saraceno e miglio).
Quindi, oltre all’ingestione di alimenti ricchi in Nichel, l’aumentata suscettibilità al Nichel nella popolazione e nel singolo individuo potrebbe essere dovuta soprattutto all’uso di prodotti industriali!

In una prima fase di “pulizia” dell’organismo dal Nichel accumulato, è comunque suggerito un periodo di forte limitazione degli alimenti contenenti nichel in medie- alte quantità e l’uso di sostanze che ne facilitino l’eliminazione (ex: zeolite attivata, olio di perilla). In molti casi, alcuni di questi alimenti possono tornare ad essere tollerati e quindi reinseriti nella dieta anche delle persone sensibili.

Una lista esauriente di alimenti da evitare in questa fase si può trovare sul sito di Eurosalus. E’ comunque suggerito l’aiuto di un professionista che sappia guidare verso le varie fasi del percorso mantenendo la dieta bilanciata ⚠️

Di Alessandra Grifoni

Cresciuta in una famiglia molto attenta alla qualità del cibo e al benessere fisico, da sempre coltivo un interesse per la nutrizione. Il concetto di prevenzione e l’importanza di preservare la propria salute sono diventati da subito pilastri del mio modo di vivere. Ad oggi sono iscritta all’albo professionale dei Biologi e lavoro come Biologa nutrizionista a Firenze, in qualità di libero professionista.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe anche interessarti…

FRIGORIFERO – Istruzioni per l’uso

FRIGORIFERO – Istruzioni per l’uso

E’ strumento bistrattato quando si è studenti, ma diventa un alleato fondamentale quando vogliamo imparare a muoverci bene in cucina e soprattutto a ridurre gli sprechi. Ma come funziona e come va organizzato? Qualche consiglio: - Non caricarlo troppo - Tenere i...

GRASSO ADDOMINALE

GRASSO ADDOMINALE

GRASSO ADDOMINALE O VISCERALE Mi è stato chiesto di parlare di questo argomento ed effettivamente lo trovo di primaria importanza perchè spesso mi risulta difficile fare capire alcuni concetti ai pazienti senza usare termini incomprensibili . Ci provo oggi che ho più...

Sazietà e controllo della fame

Sazietà e controllo della fame

Il nostro corpo possiede dei meccanismi molto raffinati e complessi per mantenersi in equilibrio e lo stesso vale anche per il mantenimento del peso corporeo......A volte diventa davvero difficile perdere peso (Vero?) e questo dipende proprio dalla capacità del nostro...

MACCHERONCINI AL CAVOLFIORE

MACCHERONCINI AL CAVOLFIORE

Cadono le foglie e i super mercati si riempiono di cavoli... Ecco una ricetta semplice con il cavolfiore per un primo saziante e poco noioso, adatta anche a chi segue un regime alimentare specifico. Per chi non può mangiare glutine: la pasta può essere sostituita con...

Sport e difese immunitarie

Sport e difese immunitarie

Lo sport può aiutarci a migliorare la la risposta immunitaria nei confronti di agenti patogeni? La risposta è sì! e questo lo vediamo dal fatto che molte persone dopo che iniziano ad allenarsi regolarmente si ammalano molto meno. Perchè allora anche gli sportivi...